INNOVAZIONE IN CLASSE: PRESENTATE LE NUOVE LAVAGNE MULTIMEDIALI

Un investimento del Comune potenzia le attrezzature di otto scuole primarie con le nuove Lim
Per l’occasione alunni e insegnanti della Nievo hanno simulato una dimostrazione dell’utilizzo delle nuove lavagne multimediali
UDINE – Da spugna e gessetti a usb e penne interattive. Grazie a un nuovo investimento dell’amministrazione comunale otto scuole primarie della città possono rinnovare il proprio parco attrezzature con strumenti didattici al passo con i tempi. Nelle scorse settimane, infatti, il Comune ha consegnato e installato nelle scuole primarie San Domenico, Divisione Alpina Julia, Fruch, Alberti, Negri, Nievo, Pascoli e Mazzini, otto nuove Lavagne interattive multimediali – le cosiddette Lim – complete di videoproiettore, pc e impianto audio. I nuovi strumenti tecnologici sono stati presentati e testati alla presenza della stampa nel corso di una lezione dimostrativa che si è svolta  nell’aula Lim della scuola primaria Nievo, alla presenza di 22 allievi delle classi seconde e terze accompagnati dalle proprie maestre, della dirigente dell’istituto comprensivo V, Tullia Trimarchi, e dell’insegnante referente del progetto, Lorena Padoan.Complessivamente l’amministrazione comunale ha investito in questo progetto circa 20 mila euro, comprensivi di una sessione formativa per gli insegnanti. Un investimento che secondo il sindaco di Udine, Furio Honsell, conferma come per il Comune l’educazione e la formazione rappresentino un settore di intervento prioritario. Particolarmente importante poi è, per il primo cittadino, formare le nuove generazioni all’uso delle nuove tecnologie fin da piccoli, nel momento in cui è più facile apprendere. Soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore allo Sport, all’Educazione e agli Stili di Vita, Raffaella Basana, per l’arricchimento delle dotazioni tecnologiche fornite alle scuole cittadine per una didattica sempre più al passo con i tempi: gli alunni avranno a disposizione un laboratorio interattivo che permetterà di sfruttare le potenzialità delle Lim con percorsi di apprendimento sempre più partecipati e attivi. L’assessore all’Innovazione, Gabriele Giacomini, sottolinea come l’installazione delle nuove lavagne multimediali faccia parte di un progetto ambizioso di “scuola digitale” che il Comune sta sviluppando grazie a una collaborazione con la Regione e con Insiel. Un piano complessivo con il quale si stanno collegando tutte le scuole cittadine alla banda ultra larga, con l’obiettivo di aprire le scuole alle possibilità del web. Collegamenti veloci, quindi, ma anche strumenti didattici all’avanguardia come le Lim. Già, ma cos’è precisamente e a cosa serve una lavagna interattiva multimediale? È un dispositivo elettronico delle dimensioni di una tradizionale lavagna didattica, sul quale è possibile disegnare usando dei pennarelli virtuali oppure interagire con il computer toccando la lavagna stessa con un qualunque oggetto, o semplicemente con le dita. È collegata a un personal computer del quale riproduce lo schermo. Può essere utilizzata come una normale lavagna e può essere integrata con strumenti multimediali, l’accesso a internet e la possibilità di usare software didattici in modo condiviso. Sono tanti i modi per utilizzare una di queste lavagne interattive in classe: per la didattica frontale con materiali multimediali, per attività che coinvolgono la classe, come completare schemi o attività interattive e laboratoriali, per le interrogazioni, per la presentazione in modo innovativo di ricerche ed elaborati realizzati dagli studenti in un’ottica di peer education. Infine, può essere impiegata per effettuare percorsi di navigazione su web in classe. Per la didattica frontale, a esempio, il docente o gli studenti possono utilizzare i materiali multimediali in proiezione sulla lavagna, disegnando su di essi con le apposite penne digitali, trascinando oggetti e salvando gli elaborati al termine della lezione sul computer, per poterli consultare in seguito o utilizzare per realizzare tesine ed elaborati. È anche possibile realizzare fotografie istantanee dello schermo, per esempio fermando un filmato per catturare un fotogramma, aprirlo in un software di elaborazione immagini e analizzare in classe l’immagine per commentare i contenuti. La lavagna multimediale è particolarmente utile nella presentazione di elaborati, poiché permette di proiettare foto, tabelle, filmati realizzati dagli alunni operando tutti i controlli direttamente dalla lavagna, rendendo più agevole e articolata l’interazione con i contenuti multimediali. I software in dotazione, inoltre, permettono generalmente anche l’esportazione degli elaborati in un formato compatibile con il web, funzione che può essere utilizzata, per esempio, per pubblicare gli elaborati nel sito della scuola, mettendo a disposizione di tutti la conoscenza prodotta.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi