Ken Follett, La colonna di fuoco. Milano, Mondadori, 2017. 907 p. (136)

Una lunga vicenda a più trame che si intrecciano, si allontanano e ritornano ad intrecciarsi, che si snoda tra il 1558 ed il 1620 nell’Inghilterra elisabettiana con personaggi veri e inventati, attraverso fatti storici noti e meno noti in un mirabile intreccio di suspence, sorprese, omicidi, tradimenti, in cui la lotta tra cattolici e protestanti fa da collante e da sfondo ai sempre sorprendenti avvenimenti umani. Queste in estrema sintesi le stuzzicose e interessanti storie che attraversano le oltre novecento pagine di quest’ultimo libro di Ken Follett. Il personaggio principale Ned Willard è talmente vivo e ben delineato che alla fine ci sembra vero, al di là delle due utili e pratiche legende che distinguono il vero dal falso e che per i curiosi sono state poste all’inizio e alla fine del volume, in un susseguirsi di avvenimenti che si svolgono non solo in Inghilterra ma anche in Francia, Scozia, Spagna e Paesi Bassi. Pur conoscendo la verità storica spesso si fa fatica a distinguere il vero dal falso, tanto è bravo a romanzare quel “folletto di Follett”; lo è perché acutamente sa entrare nell’animo umano e tirar fuori comuni sentimenti, istintualità ed azioni che caratterizzano l’umanità di ogni tempo. Così il lettore, senza rendersene conto, viene avvolto dalle attraenti spire della lettura come un fusillo da un ricco sugo, per cui l’omogeneità del buon sapore che alla fine prevale non può che far esprimere un parere positivo. 
Il periodo in cui è ambientato il romanzo è certamente tra i più turbolenti e rivoluzionari, pure Follett trova il tempo per soffermarsi, oltre che sulle grandi passioni sociali, anche sulle piccole cose come gli intrighi, gli amori e le vendette di singoli personaggi, le bontà e le cattiverie, le passioni, le sofferenze ma anche le atrocità che da sempre covano soprattutto negli estremisti, religiosi e non. Egli è acuto anche nel gioco dei grandi intrighi, delle lotte di potere, degli interessi di tiranni e non; in tutto questo la tolleranza fa sempre capolino, ma non riesce mai a imporsi. All’età di 80 anni Ned, partecipante alla prima rete di spionaggio inglese nata per proteggere la corona, racconta la propria vita ponendosi come patriarca personalmente privo di certezze religiose, che vorrebbe pacificare e ricercare il benessere familiare e sociale. Questa scelta attira l’attenzione e la simpatia del lettore, così come Rollo, suo compagno di scuola e poi (dopo tanta, tanta fatica…) cognato e infine finito sulla forca ad opera dello stesso Ned, lo coinvolge con sentimenti opposti. La foga della lettura non può far dimenticare la “prigione”, anch’essa personaggio principale, seppur spesso dorata ed altrettanto spesso brutale. Così come lo è per Elisabetta fin da quando era giovanetta, per Maria Stuarda e come lo sarà per tanti nobili, di questa o quell’altra fazione religiosa. 
Ancora interessanti sono le note che fanno rivivere le battaglie navali e i commerci e le descrizioni dei sontuosi abiti dei personaggi, oltre che l’ira e l’esaltazione animalesca delle folle durante le esecuzioni capitali. 
Quest’ultimo libro, con I pilastri della terra e Mondo senza fine, fa parte della trilogia Saga di Kingsbridge, romanzi tutti ricchi di quell’atmosfera medioevale che affascina e coinvolge. 
Ultima segnalazione di nota sottolinea non solo il paradosso per cui le fazioni religiose si combattono con guerre, torture e omicidi, ma anche quanto tutti i buoni principi del civile vivere umano come lealtà, amore, amicizia, legami familiari vengano profondamente traditi in una umanità irriconoscibile, con un forte richiamo all’attualità di oggi e che fa riflettere. 
Franco Cortese Notizie in un click



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi