Libri – Avvistamenti, lavorare meno (contro la disoccupazione tecnologica)

Uno dei nostri più attenti sociologi, Domenico De Masi, ha scritto un libro ponderoso e fondamentale sul lavoro oggi – Il lavoro. Nel XXI secolo, Einaudi, pp. 819 Euro 24 – . Si parte dall’assunto per cui ma come oggi il pianeta è stato così capace di produrre ricchezza così vicino all’affrancamento della schiavitù del lavoro (delegando alle macchine la produzione che richiede fatica fisica e velocità), eppure il progresso tecnologico è impiegato per “incrudelire l’asservimento alla machina e al profitto”.
Il libro è diviso in quattro parti: cos’è il lavoro, che rapporto intrattiene con il tempo libero, come è cambiato con l’industria moderna, e come di colloca il lavoro nella società postindustriale (che produce beni immateriali, come le informazioni, i simboli, l’estetica)? Soffermiamoci sugli ultimi capitoli. Qui De Masi ci propone la sua utopia, una “ecologia del lavoro organizzato”. E ci invita a riapproppriarci del pressappoco: un pressappoco postmoderno, capace di sperimentare forme creative di ozio, eliminare lo stress del lavoro, di valorizzare l’esperienza solidale e la “economia sociale” (non più organizzazioni piramidali e burocratiche ma flessibilità dei compiti, collaborazione, primato della creatività, passaggio dal tempo definito al tempo scelto, capacità di riposare e oziare).
Anche perché le organizzazioni non profit comparate a quelle profit “escono vincenti sotto il profilo del riospetto delle uguaglianze, delle pari opportunità, dell’etica della corresponsabilità, della cooperazione…”, mentre il neoliberismo ha trasformato ogni attività in competizione ( e sappiamo che la competitività è innaturale, è un comportamento appreso, che nasce dall’ambiente e dalle abitudini). Aveva ragione Keynes in una celebre conferenza del 1930, “Prospettive economiche per i nostri nipoti”: la tecnologia non viene usate per produrre beni e servizi con meno lavoro umano, per ridurre l’orario di lavoro (fino quasi a superare il “problema economico” stesso), ma per aumentare la disoccupazione e far lavorare di più chi lavora. Tanto che oggi un’app può mandare sul lastrico migliaia di lavoratori!. (flp)



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi