L’orchestra Haydn in concerto per Aido

“Ogni donazione è frutto di una perdita, ma è un grande simbolo di speranza, da cui ripartire per accettare il dolore e la sofferenza. È questa la ‘forza’ che sostiene l’Associazione italiana donatori organi, da oltre 40 anni impegnata sul territorio con incontri e serate culturali per informare la popolazione sull’importanza del prelievo e la donazione di organi, perché da una vita spezzata un’altra possa rinascere”. Sono le parole dell’Assessore alla salute e politiche sociali, Luca Zeni, nel presentare l’iniziativa di solidarietà voluta da Aido in collaborazione con la Provincia. Accanto all’assessore, oggi nell’ambito della conferenza stampa di Giunta del venerdì, vi era il presidente di Aido Trento Mario Magnani.
Quest’anno a scendere in campo accanto ad Aido, per raccogliere fondi a sostegno della diffusione di una cultura della donazione e del trapianto, sarà l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento con un concerto sinfonico diretto dal giovane maestro Niklas Hoffmann, il prossimo 28 ottobre alle 20.30 all’Auditorium Santa Chiara di Trento. I biglietti per la serata sono in vendita presso le Casse Rurali Trentine e all’indirizzo www.primiallaprima.it

Il concerto si terrà nell’ambito di una serata informativa organizzata da Aido Trentino, in collaborazione con la Provincia autonoma e il Comune di Trento, e con il patrocinio dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari. L’iniziativa è sostenuta anche da Cassa Centrale Banca, Consorzio Bim, Gruppo Itas Assicurazioni, Consorzio dei Comuni Trentini e Consorzio Melinda. Alla serata interverranno l’Assessore alla salute e politiche sociali, Luca Zeni, e il presidente di Aido Trento Mario Magnani e Lucia Pilati, coordinatore provinciale per le attività di donazione e trapianto. Sono previsti anche l’intervento di un medico e testimonianze di vita di trapiantati e familiari di donatori. A dirigere l’Orchestra, impegnata con la Sinfonia n. 41 in do maggiore, K 551 “Jupiter” di W. A. Mozart, e a seguire con la Sinfonia n. 1 in re maggiore, op. 25 “Classica” di S. Prokof’ev, – sarà il giovane maestro Niklas Hoffmann.

L’Orchestra Haydn è nata nel 1960 per iniziativa dei Comuni e delle Province di Bolzano e di Trento. Il suo repertorio – che spazia dal barocco ai contemporanei – le ha consentito di prendere parte a diversi festival internazionali, dall’Austria, all’Ungheria, fino agli Stati Uniti e al Giappone. Così come sono stati diversi gli autori ad affidarle i loro lavori in prima esecuzione assoluta. Sul suo podio sono saliti, tra gli altri, Claudio Abbado, Riccardo Chailly, Riccardo Muti e Juraj Valčuha.
Niklas Hofmann, giovane direttore tedesco, è titolare dal 2016 di una borsa di studio alla German Music Council (un programma a supporto dei giovani direttori di talento) e, dopo aver vinto il quattordicesimo ‘Concorso di Direzione Donatella Flick & LSO’, è stato nominato ‘direttore assistente’ alla London Symphony Orchestra, collaborando da vicino sia con i direttori musicali sia con i direttori d’orchestra ospiti.

Aido, l’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule da oltre quaranta anni opera nella speranza che le idee di “società” e “solidarietà” si uniscano a quella di “responsabilità”. Nella convinzione che le malattie e le difficoltà vissute dagli altri non siano “altro da noi”. Consapevolezza che si traduce anche nella manifestazione della volontà di donare gli organi e i tessuti dopo la morte, a scopo di trapianto terapeutico. Aido conta 1.334.079 soci, 20267 in Trentino.

Il consenso alla donazione. La scelta di donare gli organi può essere espressa in vita – con la dichiarazione anticipata di volontà – oppure viene richiesta ai familiari per le persone che non l’hanno dichiarato anticipatamente. È possibile esprimere la propria scelta in tema di donazione degli organi e tessuti iscrivendosi all’Aido, dichiarandolo agli sportelli dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari o al proprio Comune di residenza al momento del rilascio o del rinnovo della carta di identità: tutte le dichiarazioni raccolte confluiscono nel banca dati del Centro nazionale trapianti. Sono circa 60 i comuni trentini che finora hanno aderito alla campagna “Una scelta in Comune” è stata lanciata lo scorso anno da Provincia autonoma di Trento, Azienda provinciale per i servizi sanitari e Consorzio dei Comuni trentini, in collaborazione con il Centro nazionale trapianti.

Alcuni dati. Ad oggi sono oltre 10.100 le dichiarazioni di volontà sulla donazione degli organi registrate nei comuni trentini che hanno iniziato l’attività di raccolta delle dichiarazioni: di queste, circa 9 mila persone (pari all’89%) hanno dato il proprio consenso, mentre 1.123 (pari all’11%), sono risultate contrarie alla donazione. In totale, compresi i 585 assensi alla donazione rilasciati agli sportelli dell’Apss e gli oltre 18.500 testamenti Aido, sono oltre 28 mila i consensi alla donazione di organi espressi nella nostra provincia.
Quest’anno, nelle rianimazioni trentine sono stati espressi 16 consensi al prelievo di organi ma, tra questi solo 12 avevano le condizioni cliniche per donare uno o più organi. Sul versante dei pazienti trentini che hanno potuto ricevere un organo, da gennaio ad oggi, sono state sottoposte a trapianto 27 persone, di queste 15 hanno ricevuto il fegato, 10 il rene, 2 il cuore.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi