Lorenzetti: la vera vittoria è saper lavorare in squadra

Vincere? Perdere? La nostra società purtroppo ci ha educati a catalogare dentro queste due categorie i successi o gli insuccessi delle nostre azioni.
Ma ciò che si può chiamare davvero successo è il fatto che, nel raggiungere un obiettivo, un gruppo di persone si trasforma in una vera e propria squadra.
Parole di Angelo Lorenzetti, numero uno del Volley Trentino che per una sera si è trasformato in coach per un team davvero molto particolare: i dirigenti generali della Provincia autonoma di Trento.
Due ore di “lezione”, introdotte dal governatore del Trentino Ugo Rossi e dal direttore generale Paolo Nicoletti, in cui l’allenatore del Trentino Volley attraverso la propria esperienza personale ha cercato di analizzare i punti di forza e le criticità connesse ad ogni impresa che presuppone un’azione di tipo collettivo.

Obiettivi, motivazioni, persino conflitti e capacità di gestirli (perché è meglio saperli affrontare i disagi anziché lanciarli come boomerang per esserne colpiti alle spalle) in un continuo mettersi in discussione attraverso un mix di psicologia, confronto e voglia di raccogliere le sfide: questi gli ingredienti che il leader deve cercare di usare. Ma attenzione: “Se qualcuno cerca la ricetta perfetta – ha detto Lorenzetti – ne rimarrà deluso , perché una ricetta non c’è, salvo essere disponibili anzitutto ad ascoltare e saper intercettare quali sono veramente i bisogni dei tuoi compagni di viaggio. Spesso si scopre che in quei bisogni ci sono anche gli stimoli per poter fare insieme la corsa proprio verso il traguardo che ci si era prefissati”.
Un punto di vista diverso insomma, certamente forte dell’autorevolezza conquistata sul campo dove la differenza tra chi vince e chi perde spessissimo non è frutto di un’equazione semplice (giocare bene o giocare male: talvolta si tratta di un’opinione, non necessariamente di un fatto). Un po’ come accade alle partite che un territorio piccolo ma certamente attrezzato e molto competitivo come il Trentino si trova a giocare in un campionato sempre più grande: per vincerlo il solo fatto di essere bravi non basta, bisogna essere capaci di trasformarsi davvero in squadra.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi