A Genova L’utopia tecnologica di Tomás Saraceno

A partire dagli studi pionieristici sull’energia solare dell’ingegnere e matematico Giovanni Francia, Tomás Saraceno (San Miguel de Tucumán, 1973) sviluppa un progetto installativo-architettonico volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di recuperare un rapporto equilibrato con l’ambiente. In piena emergenza da riscaldamento globale, conflitti etnici e religiosi, le strutture di Saraceno sono la metafora del bisogno di “leggerezza” nell’impatto sul pianeta, che sta pagando a caro prezzo il selvaggio consumo di risorse non rinnovabili. Leggerezza ottenibile anche ripensando il sistema energetico.
Immaginando la sua utopia tecnologica, Saraceno costruisce strutture che sembrano ricettori di onde cosmiche da cui ricavare energia “verde”, inseriti in un percorso che include anche oggetti provenienti dal Fondo Giovanni Francia della Fondazione Micheletti. Un appello politico in chiave artistica per una modernità anti-dissipativa.

‒ Niccolò Lucarelli



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi