MACALE (FILCA-CISL): “IRREGOLARI 2 CANTIERI SU 3, NECESSARIO GIRO DI VITE”

“I cantieri continuano ad essere luoghi in cui non si rispettano le leggi, non si applicano i contratti, non si lavora in sicurezza. I dati dell’attività dell’Ispettorato del Lavoro non fanno che confermare quanto denunciamo da tempo, ed è arrivato davvero il momento di un giro di vite radicale per affermare la legalità nel settore delle costruzioni”. Lo ha dichiarato il segretario della Filca-Cisl nazionale, Stefano Macale, commentando i dati contenuti nel rapporto 2017 dell’Ispettorato. “In particolare – spiega Macale – in edilizia nel 2017 è risultato irregolare il 64,4% delle aziende ispezionate, vale a dire 22.213 su un totale di circa 35 mila. Si tratta di un campione ancora esiguo, visto che in Italia operano circa 145 mila imprese edili, ma già rappresentativo del settore, perché si tratta di uno spaccato fedele di quanto purtroppo accade ogni giorno nei cantieri. La maggior parte delle irregolarità riscontrate riguarda la presenza di lavoratori in nero e la violazione di norme sulla salute e la sicurezza. Ma nei cantieri – aggiunge – registriamo anche il diffondersi del dumping contrattuale, il lavoro cosiddetto grigio: sempre più imprese, infatti, applicano contratti diversi da quello dell’edilizia, perché meno onerosi. E così è facile imbattersi in edili assunti con contratti da metalmeccanico, multiservizi o addirittura florovivaistico. Una beffa per il lavoratore edile, che perde una parte del salario, non viene formato sulla sicurezza e non può accedere ai benefici previsti dall’Ape sociale. Ecco perché risulta indispensabile l’attività dell’Ispettorato, che deve essere ulteriormente rafforzata in sinergia con gli Rlst (Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza territoriale) e gli operatori degli enti bilaterali, soprattutto sul fronte dei controlli legati al dumping contrattuale. Un’azione importante, quella dell’Ispettorato, per la dignità e la sicurezza dei lavoratori, per il mercato, a vantaggio delle imprese serie, e per lo Stato, visto che nel 2017 l’ammontare recuperato dai contributi evasi si è attestato a 1,1 miliardi di euro, una cifra di tutto rispetto”, ha concluso il segretario nazionale della Filca.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi