MARE IONIO, RECORD DI CALORE ACCUMULATO NEGLI ABISSI

VENEZIA – La parte profonda del Mar Ionio si è riscaldata più di altri mari. Lo rivela uno studio su trent’anni di misurazioni e modelli numerici, condotto da scienziati italiani nell’ambito del progetto RITMARE e pubblicato sulla rivista scientifica Nature Scientific Reports. L’accumulo di calore negli abissi ionici è circa doppio rispetto a quanto osservato globalmente nello stesso periodo.

Il fenomeno è legato all’aumento delle temperature medie nell’area, che si riflettono sul notevole aumento di temperatura e di salinità avvenuto nelle acque dense del Mediterraneo orientale, provenienti sia dal bacino adriatico, sia da quello egeo.

Il dato particolare dello Ionio è però legato anche a fattori specifici: complici sono la conformazione non uniforme dei fondali e la circolazione delle masse d’acqua, che si mescolano e convogliano con efficienza il calore verso profondità di 3-4000 mila metri, dove continua ad immagazzinarsi.

“Questo mescolamento di masse d’acqua influenza anche la circolazione locale – spiega Angelo Rubino, professore di Oceanografia all’Università Ca’ Foscari Venezia, tra gli autori della ricerca – e potrebbe essere uno dei fattori in grado di spiegare l’alternarsi di grandi cicloni ed anticicloni osservati alla superficie del Mar Ionio negli ultimi decenni”.

Gli scienziati cafoscarini, dell’Enea, dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio Nazionale delle ricerche, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale e della Stazione Zoologica Anton Dohrn hanno analizzato il calore contenuto nello Ionio, un parametro fondamentale per la comprensione del clima e delle sue variazioni. Variazioni nella quantità di energia immagazzinata dal sistema climatico, infatti, si riflettono sul calore contenuto negli oceani, autentico termometro dello stato del clima.

La sfida era stimare questo calore, facendo i conti con la scarsità di osservazioni nell’oceano profondo e abissale e con la difficoltà di prevedere l’accumulo oceanico di calore tramite simulazioni numeriche. I ricercatori hanno studiato dati frutto di decine di campagne oceanografiche.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi