Mogherini: Per un’Europa più sicura, più autonoma e forte

La settimana che si è conclusa ha segnato un momento storico per l’integrazione europea. Martedì si è riunito per la prima volta nella storia dell’Unione un consiglio dei ministri nel formato Cooperazione strutturata permanente: con i ministri della difesa dei 25 stati membri che ne fanno parte abbiamo approvato i primi diciassette progetti della difesa europea e la tabella di marcia per procedere sulla strada di una collaborazione sempre più stretta nella ricerca e nella produzione, per rendere l’Europa più sicura, più autonoma e per rafforzare la nostra industria della difesa.

Con i ministri di tutti i 28 gli Stati membri abbiano anche incontrato la vicesegretaria generale della Nato, Rose Gottemoeller, per far avanzare ancora una collaborazione che negli ultimi anni è diventata intensa come mai prima, con 74 progetti comuni che già stiamo realizzando. E abbiamo fatto un punto sulle sedici missioni militari e civili europee. Qui la conferenza stampa dopo l’incontro.

Della svolta per una difesa europea e dell’impegno sempre più forte dell’Unione nelle sfide globali, a cominciare dall’immigrazione, si parla in un documentario dal titolo Europe at Sea. La regista, Annalisa Piras, per due anni ha seguito il nostro lavoro e venerdì il film è stato presentato a Bruxelles. Si può guardare qui.

La chiave di tutto il nostro lavoro, ben raccontata anche nel film, è la collaborazione. Tra Stati membri, con i nostri partner nel mondo, con le grandi organizzazioni multilaterali. Come l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa: lunedì ho incontrato a Bruxelles il segretario generale, Thomas Greminger, per discutere delle crisi ancora aperte dentro l’Europa, a cominciare dall’Ucraina.

Proprio a Kiev sarò questa sera e domani, in un momento delicato per il paese, per la soluzione del conflitto nell’est e per le riforme che il governo ha avviato col nostro sostegno. Incontrerò i leader ucraini, i rappresentanti dell’OSCE che lavorano in Ucraina orientale, la società civile e gli studenti dell’università di Kiev. In questi quattro anni, dopo la Maidan, l’Unione europea è stata sempre al loro fianco, e continuerà a esserlo.

Così come continueremo a ritenere dialogo e collaborazione i pilastri delle relazioni internazionali. E in questo senso, è arrivato un segnale di speranza per la crisi tra le due Coree. Ospiteremo la ministra degli esteri della Corea del Sud, Kang Kyung-wha, a Bruxelles al prossimo Consiglio Affari Esteri tra una settimana (qui il mio comunicato).

Ma questa è stata anche una settimana segnata dall’annuncio del presidente Trump di nuovi dazi su alcuni prodotti europei: ne ho parlato con gli amici del German Marshall Fund degli Stati Uniti, in una conversazione durante il loro Brussels Forum – qui il video.

Alcuni incontri importanti di questi giorni: lunedì ho visto Filippo Grandi, Alto Commissario dell’Onu per i rifugiati, e il ministro degli esteri thailandese Don Pramudwinai; mercoledì ho ospitato il ministro degli esteri di Skopje, Nikola Dimitrov.
Sempre mercoledì ho ricevuto l’emiro del Qatar Tamin bin Hamad al Thani per parlare della situazione del Golfo, e col ministro degli Esteri Mohammed bin Abdulrahman Al Thani abbiamo firmato un nuovo accordo di cooperazione tra i nostri due ministeri (qui il comunicato). Venerdì ho accolto a Bruxelles il presidente georgiano Giorgi Margvelashvili, e l’amministratrice delegata della Banca mondiale Kristalina Georgieva.

Di tutte le aree più calde del mondo abbiamo parlato giovedì con il Segretario della Santa Sede per i rapporti con gli Stati, monsignor Paul Gallagher – per il secondo dialogo strutturato tra Unione europea e Santa Sede (qui il comunicato).

E questa è stata anche la settimana della festa della donna. Mi ha fatto particolarmente piacere ricevere, proprio l’8 marzo, il premio “Donna d’Europa” del Movimento europeo internazionale.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi