Mostre, rivive il ’68 bolognese

Da Sartre all’Università all’avvento dei movimenti giovanili

(ANSA) –  BOLOGNA – Jean-Paul Sartre all’Università di Bologna e Jimi Hendrix che incanta la notte petroniana. Dai cortei per ‘lo Statuto dei lavoratori’ agli operai che scioperano in solidarietà con il bracciante di Avola, ucciso durante gli scontri con le forze dell’ordine. Poi ancora: Bruno Trentin che arringa le folle operaie in Piazza Maggiore, le manifestazioni studentesche e l’avvento dei ‘movimenti’ giovanili con la loro carica di rivendicazioni, di speranza e richiesta di nuovi diritti.
A 50 anni di distanza dall’anno che cambiò per sempre il mondo, ‘il ’68’ rivive nelle foto dei più famosi fotografi bolognesi: da Luciano Nadalini a Enrico Pasquali, passando per Andrea Ruggeri, Umberto Gaggioli e tanti altri. L’appuntamento è per le 11 del 23 aprile, quando, nei locali dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna in viale Aldo Moro a Bologna, la presidente Simonetta Saliera inaugurerà la mostra fotografica ‘E’ successo quel ’68. Appunti fotografici’, da cui è stato realizzato un libro fotografico.

Christian FLAMMIA



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi