Musei: a Hollywood apre quello degli amori finiti

Clone Zagabria e Pamuk sulla Hollywood Walk of Fame
(ANSA) – NEW YORK- Da Stavanger in Norvegia e’ arrivato un ferro da stiro: “Usato per il mio abito da sposa.Ora e’ tutto quello che mi rimane”. Da San Francisco, dopo cinque anni di matrimonio, l’abito da sposa diventato un triste ricordo e’ finito in barattolo di vetro. C’e’ un telefono rotto in un momento di rabbia e una fialetta piena di peli pubici. A Los Angeles, lungo la Hollywood Walk of Fame, ha aperto i battenti in questi giorni il museo più strano, patetico, buffo d’America.Il Museum of Broken Relationship e’ il clone del Museo delle Relazioni Finite di Zagabria. Uno spazio in cui vengono raccolti e schedati i resti degli amori interrotti: lettere, pupazzi di peluche, origami, poesie. Meno ambizioni letterarie del Museo dell’Innocenza di Orham Pamuk a Istanbul, cresciuto parallelamente all’omonimo romanzo dello scrittore Premio Nobel, ma l’idea di base e’ la stessa: ogni saliera, pettine, orecchino, ciocca di capelli, ogni oggetto anche piccolo e insignificante, racchiude in se’ il ricordo di un amore.
Christian FLAMMIA



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi