Nicola Sanna a Bruxelles per il Patto dei Sindaci

Nicola Sanna ha partecipato oggi, 22 febbraio, a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo, alla cerimonia del Patto dei Sindaci 2018. L’iniziativa, dal titolo “Da Parigi a Katovice: accelerare la transizione verso città decarbonizzate e resilienti”, ha festeggiato quest’anno il decimo anniversario e ha visto la partecipazione di 700 sindaci, provenienti da tutta Europa.

«Ho voluto intervenire per la prima volta al Patto dei Sindaci – commenta Nicola Sanna – perché son convinto che Sassari abbia raggiunto in questi anni degli importanti risultati in ambito climatico e energetico. Gli 8 chilometri di piste ciclopedonali nel centro della città sono un esempio di sostenibilità urbana, e i progressi nella raccolta differenziata, che è oggi al 54%, denotano l’impegno dei cittadini e delle cittadine per la tutela dell’ambiente nella nostra città».

Nel suo intervento Nicola Sanna ha posto l’accento sulle azioni che l’amministrazione sta portando avanti, innanzitutto nell’ambito della mobilità sostenibile, con l’ampliamento della pista ciclopedonale, che grazie al progetto delle Periferie Urbane collegherà il centro con i quartieri periferici. Il progetto “Moss-Mobilità sostenibile a Sassari”, inoltre, prevede la creazione di micro-reti ciclabili integrate di quartiere, la realizzazione di punti di bike parking elettrico (e-bike) e il potenziamento del sistema di bike sharing, oltre all’avvio di percorsi di Pedibus e Bicibus per promuovere la mobilità a piedi e in bici nel tragitto casa-scuola. Ha fatto poi un cenno al progetto di mobilità elettrica che interesserà tutta la regione e che vedrà installate solo a Sassari 70 colonnine per la ricarica delle auto elettriche, oltre che l’attivazione di un servizio di car sharing.

Il primo cittadino, accompagnato a Bruxelles dal dirigente del settore Ambiente e Verde Pubblico del Comune di Sassari, Gianmarco Saba, ha poi parlato delle misure messe in campo per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Ha citato il progetto Climathon, che ha come obiettivo la pianificazione, progettazione e realizzazione di infrastrutture verdi nella zona urbana di Sassari, e il progetto di cooperazione transfrontaliera “Adapt” che prevede sia la formazione e la sensibilizzazione sul tema che la definizione di strategie e piani di adattamento, tra cui un intervento pilota di pavimentazione drenante su aree verdi.

«Le azioni messe in campo dall’amministrazione e gli interventi sulle periferie urbane, incidono già sulla qualità della vita – sottolinea il primo cittadino – ma sono a lungo termine, perché trasformeranno il volto della città nei prossimi 10-20 anni. È importante lavorare in prospettiva, mettere le basi oggi per i cambiamenti di domani. E essere a confronto con i sindaci di tutti i paesi europei, fa davvero sentire urgenti gli interventi e necessario un cambio di mentalità. Lavoreremo ancora molto sulla sensibilizzazione, sono sicuro che i cittadini e le cittadine sassaresi sappiano comprendere quanto ogni loro gesto, come quello di altri milioni di cittadini e cittadine di tutto il mondo, incida significativamente sul benessere del pianeta».



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi