Ora controlli e attenzione agli ecofurbi

Nuovi fondi regionali su biologico e agricoltura integrata: una buona scelta, ma non si equiparino le pratiche.
Ora controlli e attenzione agli ecofurbi
In Emilia Romagna, come in tutto il bacino padano, presenti alti tassi di fitofarmaci nelle acque: alle risorse stanziate deve corrispondere una vera riduzione della chimica e controlli adeguati
Legambiente apprende con piacere della scelta della Regione di integrare i fondi del PSR rispetto alle ai bandi  sull’agricoltura biologica e sulla lotta integrata che quest’anno registrano moltissime domande di contributi. Domande che eccederebbero le risorse economiche originariamente previste.
L’associazione sottolinea come queste risorse in più debbano però essere accompagnate da adeguati controlli per evitare operazioni ecologiche solo sulla carta e che ad un impegno ingente di risorse pubbliche non corrispondano risultati apprezzabili in termini di riduzione dei carichi inquinanti .
Il Piano di Sviluppo Rurale infatti – va specificato per i non addetti ai lavori – stanzia ingenti risorse pubbliche per il sostegno all’agricoltura. Risorse che in buona parte sono assegnate con bandi a promozione di azioni specifiche: dall’ammodernamento dell’azienda, alla diversificazione del reddito, dal sostegno a donne e giovani fino agli incentivi per le varie pratiche ambientali e di risparmio di risorse.
Quest’anno i bandi destinati all’agricoltura biologica hanno registrato una crescita enorme di richieste. Crescita che conferma i trend positivi di questo settore rispetto alle richieste dei consumatorie e prezzi che assicurano agli agricoltori un più equo riconoscimento del proprio lavoro.
Una analoga crescita si è avuta  rispetto ai bandi a supporto all’agricoltura integrata.
La scelta di aggiungere risorse rispetto a quelle originariamente previste appare quindi positiva. Ma in questo boom di richieste vanno garantiti alti livelli ambientali. Questo vale in particolare per l’agricoltura di tipo integrato, che se utilizza meno chimica rispetto a quella standard, non bandisce sostanze anche dannose come il glifosato e quindi è ben lontana dai risultati garantiti dalla pratica biologica.
Legambiente ha già segnalato più volte come i fitofarmaci, si ritrovano in modo generalizzato e spesso massiccio nelle acque superficiali e sotterranee della regione, anche con un numero elevato di sostanze contemporaneamente. Una situazione di pressione ambientale e sanitaria che si somma all’emergenza dell’inquinamento atmosferico, che analogamente caratterizza la Pianura Padana.
Relativamente ai siti campionati in regione si rintracciano presenze di pesticidi nella maggior parte dei campioni di acque superficiali analizzati, numerosi sono i superamenti dei limiti di legge e delle soglie cautelative, si riscontra la presenza di più principi attivi contemporaneamente (effetto cocktail). Fonte di ulteriore preoccupazione è anche il permanere di queste sostanze nell’ambiente a distanza di anni.
Per questo è fondamentale che a impegni economici rilevanti, ci siano risultati ambientali altrettanto apprezzabili.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi