Pomodoro da industria: finalmente c’è l’accordo sul prezzo per il Centro-Sud, ma arriva in forte ritardo

Roma – La Cia commenta lo sblocco della contrattazione che ha portato alla definizione dei prezzi medi di riferimento per il tondo e il lungo: “Alla soluzione si è giunti in fase avanzata con gli agricoltori già impegnati nella campagna e nei relativi costi e investimenti. Per il futuro serve maggiore sinergia, rispetto dei tempi e un’interprofessione nazionale”. Visti gli sforzi profusi nella fase di contrattazione e la diffusa preoccupazione per le pregresse mancate intese, siamo soddisfatti che si sia raggiunto l’accordo sul prezzo medio per le forniture di pomodoro da industria per la campagna in corso nel Centro-Sud. Lo afferma la Cia-Agricoltori Italiani. L’accordo sul prezzo di riferimento medio (87 €/ton per il tondo e 97 €/ton per il lungo) arriva comunque in netto ritardo e lascia disattese le aspettative degli agricoltori, che hanno fatto e stanno facendo investimenti in un clima di incertezza e di rischio -osserva la Cia-. In molte zone del Sud le raccolte inizieranno tra meno di un mese. Si è arrivati a definire il prezzo in un momento di “non ritorno”, in emergenza, quando i trapianti sono stati ampiamente fatti e i costi per le operazioni colturali sostenuti. Un rischio tutto in carico agli agricoltori. “L’apprezzamento del nostro prodotto trasformato, soprattutto sui mercati esteri, è legato a una filiera che parte dal territorio nazionale: il suo valore aggiunto va riconosciuto con un prezzo equo e dignitoso -evidenzia il presidente nazionale Dino Scanavino-. Salvaguardare il pomodoro da industria “made in Italy” deve essere una priorità per tutte le parti interessate, e questo si ottiene partendo dalla garanzia di una remunerazione adeguata. Dobbiamo ragionare su come evitare per il futuro i ritardi nella contrattazione registrati quest’anno: ancora una volta richiamiamo l’importanza di una programmazione concordata nei tempi opportuni che metta gli agricoltori in condizioni di fare scelte ponderate”. Inoltre “servono azioni più efficaci nel rilanciare i consumi e strategie condivise per una piena e congiunta valorizzazione del pomodoro italiano. Viste le difficoltà registrate anche nel Distretto del Nord, anche al fine di evitare contrapposizioni -aggiunge Scanavino- chiediamo il rafforzamento di un’interprofessione nazionale, che possa mettere in campo iniziative di valorizzazione e contribuire a un migliore coordinamento dei soggetti coinvolti”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi