Possibile, Brignone: Alle Europee lista transnazionale e plurale

“Questa Europa non è cresciuta e con le sue incertezze ha ridato fiato ai nazionalismi che erano stati sconfitti nel Novecento: promuovere l’Europa non significa difendere le politiche di questi anni, significa – all’opposto – chiederne un profondo cambiamento, fin dalle sue fondamenta democratiche. Ci impegniamo ad avviare una ricognizione dei sostenitori e dei possibili candidati, per un’unica lista progressista ed ecologista transnazionale e transpartitica, perché il mondo progressista non si disperda in mille rivoli: una lista plurale intorno a un programma e a parole chiare”. Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, aprendo il PolitiCamp di Possibile che si svolgerà a Reggio Emilia fino a domenica 8 luglio.

“A sinistra – aggiunge Brignone – tutti dicono che si è pronti a ripartire da zero. Ma ripartire da zero con Gentiloni e Minniti? E poi lo dicono sempre le stesse facce, negli stessi modi e con gli stessi strumenti, che serve rinnovamento. Possibile vuole l’uguaglianza sociale non l’eterno ritorno dell’uguale in politica. Il nostro ruolo è andare tra le persone che oggi non vengono alle riunioni sulla sinistra. Bisogna partire dai più deboli, dai più fragili”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi