Preoccupazione a Berlino. E se l’Italia si sfila?

Le vie dell’Europa, tra la Germania e l’Italia, si fanno sempre più complicate. Da Berlino, dove il referendum in casa Spd ha dato il via libera alla nuova coalizione e al nuovo governo con la Cancelliera Merkel, si guarda con preoccupazione al cataclisma politico nostrano, e alle conseguenze che può avere per la Ue.

“I risultati che in Germania hanno segnato la recente consultazione politica generale indicano un arretramento consistente del partito della signora Merkel – ricorda Fausto Durante, responsabile delle politiche europee e internazionali della Cgil -. Ed è il risultato elettorale più basso nella storia del Partito socialdemocratico tedesco. Poi c’è l’affermazione di questa nuova forza di destra e autoritaria xenofoba, che si chiama appunto Alternative für Deutschland. La linea neoliberista imposta dalla Grande coalizione (uscente, ndr) e dall’establishment economico e finanziario tedesco non ha avuto la capacità di fermare l’onda della destra che ha interessato anche la Germania”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi