Presentato a Villa Niscemi Accordo di Programma per la realizzazione del Piano Infanzia e Adolescenza

Si è svolta stamani a Villa Niscemi la conferenza stampa di presentazione dell’Accordo di Programma per la realizzazione del Piano Infanzia e Adolescenza, ex Legge n.285/1997, siglato tra il Comune di Palermo e la : Prefettura, il Centro per la Giustizia Minorile – Ufficio di Servizio Sociale per i Minori, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’ASP Palermo.

Si tratta di un piano che prevede poco più di otto milioni di investimenti destinati al rilancio delle politiche per l’infanzia e l’adolescenza ed il supporto alle famiglie in difficoltà.

Di fatto, il prossimo anno, verranno potenziati molti servizi tra cui il sostegno psicologico a minori in affido etero familiare e alle famiglie affidatarie favorendo l’adattamento del minore al nuovo contesto familiare e sociale, consentendo alla famiglie affidatarie la comprensione dell’esperienza di cambiamento vissuta sia dal bambino che dalla famiglia stessa e supportare e sostenere il progetto d’affido.

La Mediazione penale – Potenziamento Mediazione in ambito penale minorile, scolastico, sociale e comunitario, ovvero promozione e implementazione dei percorsi di mediazione, riconoscimento delle vittima, riparazione dell’offesa nella sua dimensione “globale”, auto responsabilizzazione del reo, promozione e implementazione di una Comunità riparatoria e il rafforzamento degli standard morali collettivi ed ancora la prevenzione disagio adolescenziale ed interventi di prevenzione della violenza nella scuola (bullismo, cyber bullismo, etc., con la promozione negli adolescenti della capacità di mentalizzare contenuti affettivi complessi o conflittuali, implementare la capacità di autoregolazione emotiva, far emergere nel gruppo intero quei pensieri non pensati individualmente.

Molto importante anche lo Spazio Sovracircoscrizionale Transculturale per minori stranieri con problemi sanitari. In sintesi spazio per l’accoglienza del bisogno dei minori stranieri con difficoltà sanitarie, patologie e problemi socio-relazionali, finalizzato alla risoluzione delle problematiche incontrate nello svolgimento della vita quotidiana ed ancora l’educativa di Strada rivolta a gruppi naturali di adolescenti a rischio di devianza ed esclusione che si pone come intervento privilegiato per raggiungere i minori in strada, offrendo loro ascolto e comprensione e tentando di fornire strumenti utili per il loro orientamento, l’istituzione di un Centro di Sostegno e facilitazione ai Tutori nella presa in carico dei ragazzi/e stranieri non accompagnati, ovvero il sostegno e monitoraggio alla funzione di Tutori nel percorso di presa in carico del minore, attraverso la messa in rete di tutte le azioni destinate al benessere e all’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati e la promozione di best practices tra le istituzioni coinvolte nella presa in carico del minore straniero non accompagnato, oltre ad un intervento in materia di educazione motoria e sportiva finalizzato alla promozione dell’accesso all’attività sportiva, mediante la diffusione e la promozione della cultura dello sport e la sensibilizzazione delle associazioni sportive, favorendo la connessione tra sport e stili di vita.

Infine, si aumenteranno le azioni di contrasto alla Povertà educativa, mediante l’attivazione di laboratori, visite museali, spettacoli teatrali e cinematografici, si intende contrastare la povertà educativa, avvicinando i minori alla Cultura.

“Questo accordo – afferma il sindaco Leoluca Orlando – è il modo migliore per Palermo di passare da Capitale dei Giovani a Capitale della cultura e nello stesso tempo per far crescere la Città educativa che trova nell’infanzia e nell’adolescenza il suo punto di forza. I trenta interventi previsti per il prossimo anno cambieranno i servizi resi. Appunto, all’infanzia e all’adolescenza che di fatto confermano il netto cambiamento di questa città sempre con maggiore attenzione per i giovani”.

Il piano è stato costruito con il coinvolgimento di tutte le istituzione e del terzo settore e prevede l’attuazione di azioni di Prevenzione, di Protezione e di Partecipazione. Ulteriore strumento per costruire comunità e dare risposte all’inclusione e alla promozione – afferma l’assessore alla Cittadinanza Solidale Giuseppe Mattina.

Oltre al sindaco e all’Assessore alle Cittadinanza, alla conferenza stampa di Villa Niscemi erano presenti, tra gli altri, Antonio Candela, direttore generale di ASPp, Maria Luisa Altomonte, Ufficio Scolastico Regionale, Francesco Micela, presidente Tribunale dei Minorenni, Maria Vittoria Randazzo, sostituto procuratore generale presso la Corte di Appello di Palermo, il Garante per l’Infanzia, Lino D’Andrea, il sovrintendente al teatro Massimo, Francesco Giambrone e Mariangela Di Gangi, rappresentante Terzo Settore del Comune di Palermo.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi