Rifugi delle Dolomiti UNESCO: sono 66 i rifugi aderenti, scopri il progetto

Il progetto ‘Rifugi delle Dolomiti UNESCO’ permette ad alpinisti, escursionisti ed amanti della montagna di prendere coscienza del fatto di trovarsi all’interno dell’area cuore delle Dolomiti UNESCO e di conoscere le caratteristiche di unicità che hanno fatto dei 9 Sistemi dolomitici un Bene riconosciuto dall’umanità intera. Il progetto, rivolto a tutti i 66 rifugi situati all’interno dell’area cuore dei 9 Sistemi delle Dolomiti UNESCO, è promossoIl progetto ‘Rifugi delle Dolomiti UNESCO’ permette ad alpinisti, escursionisti ed amanti della montagna di prendere coscienza del fatto di trovarsi all’interno dell’area cuore delle Dolomiti UNESCO e di conoscere le caratteristiche di unicità che hanno fatto dei 9 Sistemi dolomitici un Bene riconosciuto dall’umanità intera. Il progetto, rivolto a tutti i 66 rifugi situati all’interno dell’area cuore dei 9 Sistemi delle Dolomiti UNESCO, è promosso dalla Fondazione Dolomiti UNESCO con il coinvolgimento delle Associazioni Alpinistiche e dei gestori dei rifugi e parte dal riconoscimento del ruolo essenziale di presidio territoriale e culturale svolto dai rifugi e la loro funzione di punto di incontro e di strutture ricettive all’interno del Bene Dolomiti UNESCO. Nel corso degli 11 incontri territoriali di partecipazione #Dolomiti2040 era emersa con forza l’esigenza che il riconoscimento Dolomiti UNESCO si facesse visibile in quota, stimolando la collaborazione tra i rifugi come piattaforma di informazione e divulgazione sul Patrimonio. rifugio-3 La convenzione ‘Rifugi delle Dolomiti UNESCO’ Un accordo che riconosce ai rifugi l’importante ruolo di presidio territoriale all’interno del Bene Dolomiti UNESCO. La convenzione è un passo avanti per la realizzazione di attività congiunte di valorizzazione e comunicazione del Patrimonio. La Fondazione Dolomiti UNESCO e i rappresentanti di CAI Veneto, CAI Friuli Venezia Giulia, CAI Alto Adige, SAT- Società Alpinisti Tridentini e AVS – Alpenverein Südtirol, hanno firmato la convenzione ‘Rifugi del Patrimonio Mondiale Dolomiti UNESCO’. Con la sottoscrizione della convenzione si crea un ulteriore strumento per il raggiungimento degli obiettivi di valorizzazione del ruolo simbolico dei rifugi, di promozione delle loro funzioni informative e di qualificazione delle prestazioni ricettive e ambientali delle strutture. A chi si rivolge Il progetto si rivolge ai 66 rifugi situati all’interno dell’area cuore dei 9 Sistemi delle Dolomiti UNESCO e si prefigge di qualificare i rifugi per gli aspetti informativi e di comunicazione (fase in parte già avviata nell’estate 2016) e definire un protocollo, su base volontaria, che individui alcuni rifugi pilota con cui sperimentare una gestione sostenibile. image1 Il ruolo della Fondazione La Fondazione, oltre al coordinamento del progetto, si occuperà della parte comunicativa e di formazione, predisponendo tra l’altro la targa ‘info-point Dolomiti UNESCO’ per la riconoscibilità dei rifugi e organizzando dei percorsi formativi rivolti ai gestori di rifugio rispetto ai criteri estetico-paesaggistico e geologico-geomorfologico per una corretta divulgazione dei valori connessi al Patrimonio Mondiale. Il ruolo delle associazioni Le associazioni alpinistiche, in quanto proprietarie e/o concessionarie di numerosi rifugi presenti all’interno dell’area core del Sito Dolomiti UNESCO, si impegnano a sostenere e contribuire al progetto in particolare per quanto riguarda la qualità delle interazioni ambientali nel rispetto del criterio di ‘sostenibilità’, le caratteristiche qualitative e quantitative dell’offerta ricettiva. Esse favoriscono altresì il coinvolgimento dei gestori di rifugio al progetto. dalla Fondazione Dolomiti UNESCO con il coinvolgimento delle Associazioni Alpinistiche e dei gestori dei rifugi e parte dal riconoscimento del ruolo essenziale di presidio territoriale e culturale svolto dai rifugi e la loro funzione di punto di incontro e di strutture ricettive all’interno del Bene Dolomiti UNESCO. Nel corso degli 11 incontri territoriali di partecipazione #Dolomiti2040 era emersa con forza l’esigenza che il riconoscimento Dolomiti UNESCO si facesse visibile in quota, stimolando la collaborazione tra i rifugi come piattaforma di informazione e divulgazione sul Patrimonio. rifugio-3 La convenzione ‘Rifugi delle Dolomiti UNESCO’ Un accordo che riconosce ai rifugi l’importante ruolo di presidio territoriale all’interno del Bene Dolomiti UNESCO. La convenzione è un passo avanti per la realizzazione di attività congiunte di valorizzazione e comunicazione del Patrimonio. La Fondazione Dolomiti UNESCO e i rappresentanti di CAI Veneto, CAI Friuli Venezia Giulia, CAI Alto Adige, SAT- Società Alpinisti Tridentini e AVS – Alpenverein Südtirol, hanno firmato la convenzione ‘Rifugi del Patrimonio Mondiale Dolomiti UNESCO’. Con la sottoscrizione della convenzione si crea un ulteriore strumento per il raggiungimento degli obiettivi di valorizzazione del ruolo simbolico dei rifugi, di promozione delle loro funzioni informative e di qualificazione delle prestazioni ricettive e ambientali delle strutture. A chi si rivolge Il progetto si rivolge ai 66 rifugi situati all’interno dell’area cuore dei 9 Sistemi delle Dolomiti UNESCO e si prefigge di qualificare i rifugi per gli aspetti informativi e di comunicazione (fase in parte già avviata nell’estate 2016) e definire un protocollo, su base volontaria, che individui alcuni rifugi pilota con cui sperimentare una gestione sostenibile. image1 Il ruolo della Fondazione La Fondazione, oltre al coordinamento del progetto, si occuperà della parte comunicativa e di formazione, predisponendo tra l’altro la targa ‘info-point Dolomiti UNESCO’ per la riconoscibilità dei rifugi e organizzando dei percorsi formativi rivolti ai gestori di rifugio rispetto ai criteri estetico-paesaggistico e geologico-geomorfologico per una corretta divulgazione dei valori connessi al Patrimonio Mondiale. Il ruolo delle associazioni Le associazioni alpinistiche, in quanto proprietarie e/o concessionarie di numerosi rifugi presenti all’interno dell’area core del Sito Dolomiti UNESCO, si impegnano a sostenere e contribuire al progetto in particolare per quanto riguarda la qualità delle interazioni ambientali nel rispetto del criterio di ‘sostenibilità’, le caratteristiche qualitative e quantitative dell’offerta ricettiva. Esse favoriscono altresì il coinvolgimento dei gestori di rifugio al progetto.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi