Roghi tossici al campo rom la Barbuta. Metalli: Tolleranza zero ed Esercito se necessario

Roma . Una bomba ecologica, danni ambientali incalcolabili – dichiara Massimiliano Metalli (esponente della Lega con Matteo Salvini) – forse perenni per un terreno che da anni assorbe veleni di ogni tipo. Il rischio di conseguenze sulla salute delle persone – anche tanti bambini – che vivono nel campo nomadi e per i residenti dei quartieri vicini che respirano diossina e altre schifezze prodotte dai roghi che succedono ormai a cadenza quotidiana, per bruciare i metalli, amianto, rifiuti e suppellettili. Una situazione da “emergenza terra dei fuochi” con l’ipotesi di reato di disastro ambientale, ma anche sociale.
L’alta colonna di fumo nera prodotta dagli incendi, mette a rischio i voli del confinante aeroporto di Ciampino, la sicurezza stradale del raccordo anulare nel tratto confinante con il campo.
E’ assurdo avere un campo posto a meno di 30 metri dall’aeroporto, a meno di 200 metri dalla pista, a meno di 20 metri dal raccordo anulare, sopra una falda acquifera, a meno di 200 metri dalla ferrovia Roma-Ciampino.”
I cittadini romani non sono razzisti, ma adesso dicono basta: la tolleranza è finita!
Chiederemo – conclude Metalli – alla sindaca di Roma Verginia Raggi e al Prefetto di Roma Paolo Basilone, di promuovere le azioni operative necessarie, seguendo le direttive del Ministero dell’Interno, per offrire indicazioni affinché le forze di Polizia ed eventualmente le forze militari possano operare per garantire la sicurezza pubblica e contrastare efficacemente il fenomeno dei roghi tossici e tutte le attività criminose a essi connesse chiudendo definitivamente il campo rom di Roma della Barbuta .



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi