Sciopero Mediaworld, alta adesione in Toscana (Grosseto 90%). La nota Cgil

“Occupazione a rischio anche in Toscana”: Mediaworld, oggi sciopero nazionale dei lavoratori, presìdi in Toscana. Alta adesione, vicina all’80%; a Grosseto, dove l’azienda vuole chiudere il negozio, si è arrivati al 90%. Bernardini (Filcams Cgil): “Bisogna investire e difendere il lavoro”

Firenze – Oggi hanno incrociato le braccia per uno sciopero i lavoratori Mediaworld. La mobilitazione è stata indetta da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs nazionali per contrastare le decisioni di Mediamarket, la società che controlla i negozi a marchio Mediaworld. La protesta è rivolta contro le annunciate chiusure dei punti vendita di Grosseto e Milano Stazione Centrale, contro il trasferimento della sede di Curno in provincia di Bergamo a Verano Brianza, contro la cessazione del contratto di solidarietà e contro la decisione unilaterale di eliminare dal 1° maggio 2018 il bonus presenza e la maggiorazione economica del 90% prevista per il lavoro domenicale. Vista la situazione, la preoccupazione è che anche in Toscana (dove in totale i lavoratori Mediaworld sono oltre 300) possa diventare a rischio l’occupazione, e non solo a Grosseto.

In Toscana, dove si sono svolti alcuni presìdi dei lavoratori, l’adesione allo sciopero è stata alta, vicina all’80%; a Grosseto , dove l’azienda vuole chiudere il negozio, si è arrivati al 90%.

Cinzia Bernardini, segretaria generale Filcams Cgil Toscana, era presente al presidio di Grosseto: “E’ inaccettabile che le multinazionali arrivino in Italia, si arricchiscano e poi da un giorno all’altro se ne vadano, non assumendosi quella responsabilità sociale verso i lavoratori e il territorio prevista anche dalla nostra Costituzione. La mobilitazione che stiamo mettendo in campo ha lo scopo di far riconoscere all’azienda che la priorità è la tutela dell’occupazione. E oggi dalla Toscana arriva un indirizzo preciso: i lavortori sono pronti a lottare per i propri diritti. Occorre investire per rilanciare i punti vendita in base alle nuove esigenze del mercato”.

I sindacati puntano il dito anche contro l’incapacità aziendale di rilanciarsi sul mercato a causa di un “sistema informatico vetusto, il layout degli accessori per la telefonia, unico segmento di prodotto con margini alti, vecchio e confusionario e politiche dei prezzi on-line non abbastanza competitive”, che fanno il paio con una “non adeguata formazione del personale”.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi