Super esperti per salvare l’Abbazia di San Savino

Il critico d’arte e assessore Luca Nannipieri prosegue nell’operazione di recupero del complesso abbaziale: “Nel corso degli anni, per far conoscere la bellezza e il degrado del monumento, vi ho portato in visita super esperti e personalità come Salvatore Settis, allora direttore della Scuola Normale di Pisa e ora presidente del comitato scientifico del Museo del Louvre di Parigi, il celebre critico Vittorio Sgarbi, il noto storico Franco Cardini, l’urbanista e membro del Consiglio Superiore dei Beni Culturali Marco Romano, il filosofo di estetica Sergio Givone, poi divenuto assessore a Firenze con Matteo Renzi, Davide Rondoni che presiede la Fondazione Zucchelli, vari professori dell’Università di Pisa come Alfonso Maurizio Iacono, Ennio Cavalli della RAI, e altri ancora. Sono pronto a richiamare queste personalità una ad una e metterli al tavolo con FAI e Italia Nostra. L’abbazia di San Savino è finora un grande monumento e un grande fallimento. Sempre ho voluto aiutarla a risollevarsi dalle sue crepe, dalle sue incurie, dalle sue folli trasandatezze, e sempre ne sono stato sconfitto, come del resto gli altri, rimanendo lei stessa così immutata nei decenni: unica e perduta, straziante di bellezza e straziante di degrado. Ora però con una mobilitazione civile che coinvolga super esperti, proprietà, parrocchia, soprintendenza e associazioni accreditate come Fai e Italia Nostra, possiamo farcela. Insieme.”



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi