Trenta Comuni italiani nella rete europea anti-pesticidi

L’impegno ambientalista degli enti locali si va intensifica assumendo forme diversificate, talora innovative. Particolarmente significativa, ad esempio, l’adesione di trenta Comuni italiani a Pesticide Action Network (Pan) Europe, la rete europea delle città libere da pesticidi, con la sottoscrizione di un protocollo d’intesa. I Sindaci si sono impegnati a bandire l’utilizzo di pesticidi chimici entro tre anni e a sensibilizzare la popolazione sull’esistenza di metodi alternativi. “L’obiettivo principale del network – spiega Michela Bilotta, coordinatrice per l’Italia di Pan Europe – è quello di creare una massa critica di Comuni europei che decidano di vietare l’utilizzo dei pesticidi chimici nelle aree verdi aperte al pubblico. Si tratta di parchi, campi sportivi, marciapiedi, aiuole: tutti luoghi a uso e consumo dei cittadini”.

Il primo Comune italiano ad aver aderito alla rete pesticide free è Occhiobello, in provincia di Rovigo. Poi si sono unite città più grandi: Belluno, Varese, Ragusa, Bolzano. A inizio aprile, Pan Europe ha siglato un accordo con l’associazione Borghi Autentici d’Italia, che raccoglie 260 piccoli centri dislocati su tutta la Penisola. Quindici di questi sono già entrati a far parte del network europeo: sei sono in provincia di Lecce (Melpignano, Copertino, Aradeo, Galatone, Matino, Salve), due a Bari (Cassano Murge, Acquaviva delle Fonti), due a Cosenza (Miglierina, Roseto Capo Spulico). Altri a Sassari, Oristano, Chieti, Pavia. L’associazione dei borghi ha anche inserito nel suo manifesto programmatico il rispetto della sostenibilità ambientale e la promozione di politiche a favore della biodiversità.

“Non imponiamo un unico metodo alternativo all’impiego di sostanze chimiche – precisa Bilotta – Alcuni Comuni hanno optato per il diserbo manuale, altri per il pirodiserbo. Altre città ancora utilizzano diserbanti naturali come l’aceto o l’acido pelargonico. Richiedono forse maggiore manodopera e più tempo, ma i benefici a livello di sostenibilità ambientale sono enormi”.

Il prossimo 27 settembre i Sindaci che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa parteciperanno a una tavola rotonda al Parlamento europeo insieme agli eurodeputati delle commissioni Ambiente e agricoltura e ai rappresentanti del Comitato delle Regioni. Un’importante occasione di confronto e di scambio di buone pratiche per condividere a livello europeo i risultati raggiunti.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi