TTIP: accordo di libero scambio Ue-Canada sia da “traccia” anche per negoziato con Usa

Il presidente della Cia Dino Scanavino dopo l’informativa alla Camera del ministro Calenda: “Per la prima volta un paese anglosassone extra-Ue riconosce il nostro sistema delle indicazioni geografiche, unico vero deterrente contro italian sounding e contraffazioni. Può rappresentare un modello di riferimento per le trattative in corso con gli Stati Uniti, perché il TTIP sarà un’opportunità per le nostre imprese a patto che garantisca gli standard produttivi e qualitativi europei”.
La conclusione dei negoziati relativi all’accordo di libero scambio (Ceta) tra l’Unione europea e il Canada, con il riconoscimento dei nostri standard produttivi e qualitativi, è una notizia positiva che acquista un valore strategico anche rispetto alle trattative in corso con gli Stati Uniti sul TTIP. Lo afferma il presidente nazionale della Cia-Agricoltori Italiani, Dino Scanavino, dopo l’informativa di ieri alla Camera del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda.    
Per la prima volta un paese anglosassone extra-Ue riconosce il nostro sistema delle indicazioni geografiche (saranno 41 le denominazioni italiane protette in una lista annessa all’accordo Ceta) e opera una prima stretta all’italian sounding -evidenzia Scanavino- fungendo da deterrente vero e concreto al problema, su cui molti in Italia fanno campagne solo mediatiche senza alcuna proposta costruttiva.
In questo senso, l’accordo Ue-Canada è un traguardo importante che deve essere usato come riferimento per il TTIP stesso. D’altra parte, siamo convinti che il trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti con gli Usa possa portare nuove opportunità di export per le nostre imprese -aggiunge il presidente della Cia- ma è chiaro che alla base devono esserci regole condivise che non portino ad alcun abbassamento dei nostri standard, come ha detto lo stesso ministro Calenda a Montecitorio.
Bisogna, quindi, continuare a lavorare per risolvere le problematiche in essere, dalle barriere tariffarie e non tariffarie al riconoscimento delle nostre denominazioni -conclude Scanavino- in un’ottica di trasparenza e di tutela dei prodotti della nostra agricoltura e della salute e sicurezza dei consumatori.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi