Umbria: salari più bassi della media nazionale del 13%

Bravi (Ires Cgil): “Ma questo non produce alcun vantaggio competitivo”

PERUGIA – Il rapporto nazionale dell’Inps, relativo all’anno 2017, testimonia ancora una volta il forte ritardo dell’Umbria dal punto di vista delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti. C’è infatti (come si vede nella tabella allegata) un differenziale di 13 punti percentuali tra i salari dei dipendenti privati (extra agricoli) umbri e la media nazionale. Per quanto riguarda il lavoro pubblico, gli oltre 53.000 dipendenti della nostra regione hanno una retribuzione media di circa 32.000 € annui, in linea con la media nazionale.
Questi dati sono una ulteriore dimostrazione del fatto che avere salari più bassi della media, oltre a creare evidenti situazioni di iniquità e difficoltà sociali, non porta alcun vantaggio da un punto di vista dell’avanzamento economico, visto che la nostra regione continua a collezionare performance negative sia sul versante dell’occupazione, che degli investimenti e nello stesso andamento del Pil degli ultimi anni .



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi