Web tax – UE a G20, serve risposta globale per economia digitale

Serve urgentemente una risposta globale alle sfide fiscali legate alla digital economy. Questo l’appello lanciato da due commissari UE e cinque ministri europei dell’Economia, tra cui Pier Carlo Padoan, in una lettera inviata alla presidenza argentina del G20 in vista del prossimo incontro.

> Legge Bilancio 2018 – web tax, imposta su transazioni digitali

In vista della prossima riunione del G20, in programma dal 19 al 20 marzo 2018 a Buenos Aires, il vicepresidente della Commissione UE, Valdis Dombrovskis e il commissario europeo agli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, insieme a cinque ministri europei dell’Economia – Bruno Le Maire, Peter Altmaier, Pier Carlo Padoan, Luis De Guindos e Philip Hammond -, hanno inviato una lettera alla presidenza argentina per porre l’accento sulla necessità di approfondire il dibattito sul tema della tassazione dell’economia digitale, la cosiddetta web tax.
Web tax, in arrivo la proposta della Commissione UE

Secondo la Commissione UE all’interno del mercato unico digitale è necessario definire al più presto un sistema di tassazione moderno e stabile per la digital economy al fine di stimolare la crescita, l’innovazione e lo sviluppo dell’economia europea.

Per questo motivo, il prossimo 21 marzo, il Collegio dei commissari presenterà – salvo cambiamenti di programma – la sua proposta sulla web tax, che prevede l’introduzione di norme comuni sulla tassazione dei profitti delle multinazionali derivanti da attività svolte nell’ambito dell’economia digitale.

Sul fronte della tassazione, i policy maker si stanno confrontando per definire soluzioni in linea con l’attuale contesto economico, dove le imprese che operano nel settore dell’economia digitale pagano un livello minimo di tasse, mettendo a repentaglio i principi di equità fiscale e la sostenibilità del modello economico e sociale dell’Unione.

> Web tax – Ecofin, rivedere norme fiscali per economia digitale
Lettera alla presidenza argentina, servono regole globali

La questione, però, non interessa solo il Vecchio Continente. Nella lettera alla presidenza argentina, i firmatari sottolineano la necessità di concordare urgentemente una risposta globale alle sfide fiscali sollevate dall’economia digitale.

Le norme vigenti, infatti, provocano carenze di bilancio nei Paesi in cui le multinazionali della digital economy operano, creando distorsioni del mercato e minando la sostenibilità del sistema di tassazione delle società.

“Le specificità dell’economia digitale richiedono nuove regole globali per governare il nesso tra territorio e allocazione degli utili”. Serve quindi uno sforzo congiunto per la definizione di norme generali sulla web tax, insieme ad una maggiore cooperazione per contrastare l’evasione fiscale.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi